mercoledì, 12 Giugno 2024

Il Porto di Genova si protegge dagli attacchi informatici: firmato un protocollo d’intesa con la Polizia di Stato

L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, guidata dall’avvocato Paolo Piacenza nelle vesti di Commissario Straordinario, ha deciso, nell’ambito della prevenzione, di proteggere i propri sistemi informativi critici e tutto il cluster portuale dagli attacchi informatici sempre più frequenti, firmando un protocollo d’intesa con la Polizia di Stato.

Ad apporre la propria firma sul documento sono stati il Dirigente del Centro Operativo per la Sicurezza Cibernetica per la Liguria, nonché Primo Dirigente della Polizia di Stato Alessandro Carmeli e dallo stesso Paolo Piacenza.

Inoltre, a presenziare al momento storico erano presenti l’Amministratore Unico di Liguria Digitale Enrico Castanini, il Direttore Staff Porto Digitale, Business Intelligence e Transizione al Digitale Rossana Varna e Paola Girdinio e Roberto Surlinelli, rispettivamente Presidente di START 4.0 e Direttore del Nucleo Operativo di Sicurezza Cibernetica, che avevano organizzato e partecipato al CSET 2023, tenutosi proprio nel capoluogo ligure nel settembre 2023, che ha avuto lo scopo di sensibilizzare sulla massiccia quantità di attacchi informatici subito ogni giorno dalle aziende.

La cooperazione tra la Polizia, che tramite i CNAIPIC effettua già da tempo servizi di prevenzione e lotta ai crimini informatici nel settore delle infrastrutture critiche, e l’Autorità di Sistema del Mar Ligure Occidentale che copre i porti di Genova, Prà, Savona e Vado, ha lo scopo di rafforzare lo stato di sicurezza della rete aziendale, migliorare la capacità di affrontare e rispondere ad attacchi informatici, programmare incontri informativi e proteggere le risorse del Sistema Paese, evitando inoltre che le suppy chain vengano bloccate e danneggiate da possibili attacchi che porterebbero ad un’ingente perdita di denaro.

Latest article