venerdì, 7 Giugno 2024

Anche Asst Rhodense soccombe agli hacker

Altro giorno, altri ospedali in tilt: questa volta è toccato all’Asst Rhodense, l’Azienda Socio Sanitario Territoriale che copre gli ospedali milanesi di Rho, Bollate e Garbagnate, che è caduta, nella notte, vittima di un’attacco hacker.

Non è chiara la tipologia dell’attacco (si tratta presumibilmente di un ransomware) ma quel che è certo è che diversi ospedali sono in tilt. Gli operatori sanitari sono così stati costretti a rimandare le operazioni chirurgiche non urgenti e quelle di prenotazioni, pagamenti e prelievi.

Per quanto riguarda invece gli interventi di chirurgia urgente e le prestazioni ambulatoriali già programmate – eccezion fatta per ciò che concerne la medicina nucleare, radiologica e analitica – seguiranno il loro normale svolgimento.

Leggi anche: A Londra un attacco hacker colpisce diversi ospedali

Rimane, inoltre, aperto il Pronto Soccorso degli ospedali di Rho e Garbagnate, solamente per le persone che si autopresentano con però la raccomandazione di rivolgersi altrove in caso di urgenza. È stato infatti sospeso l’invio di ambulanze, che sono state dirottate verso altri presidi.

Abbiamo problemi da stanotte e ci stiamo attivando come si fa in questi casi, anche attraverso la task force regionale per la cybersicurezza, per ripristinare tutto il prima possibile. Stiamo garantendo i servizi essenziali in urgenza in modalità cartaceo perché i sistemi informativi non sono disponibili, sono bloccati“, ha commentato il direttore generale dell’Asst Marco Bosio.

Sono state inoltre allertate il centro di competenza Cybersecurity di Aria (azienda regionale per l’innovazione degli acquisti) e la Polizia Postale, che si è subito attivata per indagare sull’accaduto.

Cybsec-news.it vi invita alla prossima edizione della CYBSEC-EXPO, in programma a Piacenza nel 2025.

Latest article